23/10/2018
Nuova RC auto - tariffa unica per tutte le regioni

La nuova proposta in merito all’omogeneizzazione dei premi assicurativi in tutta Italia, la cosiddetta Rc auto equa, contenuta nella manovra 2019 del Governo, sta accendendo il dibattito. L’obiettivo di questo provvedimento è quello di eliminare il gap tra diverse regioni relativo al costo che l’automobilista deve sostenere per assicurare il proprio veicolo.

Qualora venisse applicata la tariffa unica i rincari maggiori si concentrerebbero prevalentemente al Nord, con punte fino al +40% a Bolzano, mentre il risparmio maggiore andrebbe a beneficio degli automobilisti del Sud, fino a -65% a Napoli. Tuttavia questi aggiustamenti dei premi assicurativi dell’Rc auto non avrebbero direzioni così polarizzanti tra il Nord e il Sud del Paese.

Come denunciato dal Codacons, i possibili incrementi della tariffa unica dell’assicurazione auto colpirebbero le regioni più piccole, comprese quelle del meridione come Molise e Basilicata. Sulla base dei dati Ivass relativi al secondo trimestre 2018, il Codacons evidenzia che: “Oggi il premio Rc auto in Italia è pari a 411 euro, in aumento del +0,5% rispetto al trimestre precedente. Le tariffe sono tuttavia estremamente diversificate sul territorio e si scopre che le polizze costano sensibilmente meno rispetto alla media non solo al Nord, ma in tutte le regioni più piccole: Basilicata e Molise compaiono infatti assieme alla Valle d’Aosta nei primi posti della classifica dove l’Rc auto costa di meno. Proprio gli automobilisti che risiedono in tali regioni sono quelli che rischiano rincari dei prezzi assicurativi in caso di ‘tariffa unica’ sul territorio”.

La tariffa media dell’Rc auto ci offre una differenza, su base regionale di 237,3 euro tra il premio assicurativo che si paga in Valle d’Aosta, la regione più economica, e quello che si paga in Campania, regione più costosa.

A livello provinciale i due estremi sono rappresentati da Oristano, la più economica con 294,8 euro, e Napoli, la più cara con 622,9 euro. Parliamo di una differenza di ben 328,1 euro, con gli automobilisti napoletani costretti a pagare il 111,3% in più rispetto a quelli oristanesi.

 

FONTE: Motorionline https://www.motorionline.com/2018/10/23/rc-auto-equa-con-la-tariffa-unica-rincari-al-nord-ma-non-solo/

ULTIME NOTIZIE
07/03/2019
Le sempre più stringenti normative in tema di emissioni stanno minando il futuro del diesel. Se, da un lato, questo tipo di alimentazione consente notevoli risparmi agli automobilisti che percorrono migliaia di chilometri l’anno, dall’altro il motore diesel non è più visto di buon occhio dai legislatori europei che ritengono questa motorizzazione particolarmente inquinante.
04/03/2019
La qualità dell’aria è diventata ormai un tema di quotidiana importanza, oggetto delle principali preoccupazioni di enti, istituzioni e governi internazionali.
20/02/2019
Il Parlamento Europeo ha approvato una proposta di legge per rendere obbligatori i sistemi ADAS su veicoli di nuova immatricolazione a partire dal 2020. In particolare tutti i nuovi veicoli, siano essi auto, furgoni, truck e bus, dovranno ben presto obbligatoriamente essere equipaggiati con sistemi come frenata automatica di emergenza, predisposizione a etilometro integrato, riconoscimento sonnolenza e soglia di attenzione, registrazione in caso d’incidente, avviso di frenata d’emergenza, cruise control adattativo, mantenimento attivo dell’auto in carreggiata, telecamera di retromarcia o sensori di prossimità.
11/02/2019
È una vera rivoluzione quella che riguarda le biciclette prevista dal nuovo codice della strada, in discussione in Commissione Trasporti alla Camera. Nei centri abitati dove il limite di velocità è di 30 km orari potranno andare contromano
11/02/2019
Il governo ha deciso di mettere un freno al fenomeno della "esterovestizione", cioè alla finta residenza fiscale all'estero di una società che con questo escamotage può immatricolare un veicolo oltreconfine e avere una targa straniera, pur svolgendo la propria attività lavorativa prevalentemente in Italia.