20/02/2019
I sistemi ADAS obbligatori dal 2020

Il Parlamento Europeo ha approvato una proposta di legge per rendere obbligatori i sistemi ADAS su veicoli di nuova immatricolazione a partire dal 2020.

In particolare tutti i nuovi veicoli, siano essi auto, furgoni, truck e bus, dovranno ben presto obbligatoriamente essere equipaggiati con sistemi come frenata automatica di emergenza, predisposizione a etilometro integrato, riconoscimento sonnolenza e soglia di attenzione, registrazione in caso d’incidente, avviso di frenata d’emergenza, cruise control adattativo, mantenimento attivo dell’auto in carreggiata, telecamera di retromarcia o sensori di prossimità.
 

Obiettivo ADAS: impatti zero

Sviluppare gli ADAS è determinante per la riduzione degli incidenti. In Italia si calcola che attualmente circolino 38,5 milioni di auto, a cui si aggiungono 5 milioni di veicoli merci. L’età media del parco è ancora abbastanza alta, circa 11 anni. Secondo un recente seminario promosso da ACI, si calcola che nei 175.000 incidenti denunciati nel 2017, si siano registrati oltre 3.000 morti e 17.000 feriti di una certa gravità.

Al primo posto degli incidenti vi è la distrazione, poi la mancata precedenza e infine l’elevata velocità. C’è da dire però che le auto sono sempre più sicure. Non solo lo dicono i dati, ma è stato svolto anche un crash test tra un’utilitaria del 1997 (Rover 114) e una del 2017 (Toyota Yaris) con risultati ben visibili.

Secondo i dati nazionali poi, nel 2017 il numero dei morti per incidenti auto si è abbassato di oltre il 60% rispetto al 2001, di quasi il 50% in meno nel caso di veicoli trasporto merci, di circa il 49% in meno per pedoni, del 30% in meno per i ciclisti e del 13% in meno in caso di moto.

FONTE:https://www.carrozzeriaautorizzata.com/news/1011/i-sistemi-adas-obbligatori-dal-2020

ULTIME NOTIZIE
15/02/2021
Con il decreto semplificazioni del Ministero dei Trasporti le officine ora possono gestire ufficialmente anche le pratiche amministrative di verifica e prova sulla sostituzione decennale dei serbatoi GPL, senza coinvolgere la Motorizzazione Civile.
08/09/2020
Oltre alle numerose modifiche introdotte per favorire la cosiddetta mobilità dolce, nei giorni scorsi il Senato è entrato a gamba tesa in numerosi ambiti della circolazione. L'intervento più pesante riguarda lo scardinamento dell’ultimo tabù in materia di autovelox, cioè l’impossibilità di usare apparecchi fissi sulle strade urbane di quartiere (ma numerosi comuni, in barba alla legge e alle sentenze di alcuni coraggiosi giudici di pace, lo hanno usato per anni). Tra qualche giorno, quando il cosiddetto decreto Semplificazioni sarà approvato definitivamente dalla Camera, sarà possibile installare strumenti per il controllo remoto delle violazioni anche su queste strade (e persino sulle strade locali, sulle strade urbane ciclabili, un’altra novità approvata a Palazzo Madama, e, in teoria, persino sugli itinerari ciclopedonali), previa autorizzazione del prefetto. Una norma che, abbinata al dilagare, spesso indiscriminato, delle zone 30, rischia di provocare valanghe di multe anche in assenza di comportamenti oggettivamente pericolosi.
07/03/2019
Le sempre più stringenti normative in tema di emissioni stanno minando il futuro del diesel. Se, da un lato, questo tipo di alimentazione consente notevoli risparmi agli automobilisti che percorrono migliaia di chilometri l’anno, dall’altro il motore diesel non è più visto di buon occhio dai legislatori europei che ritengono questa motorizzazione particolarmente inquinante.
20/02/2019
Il Parlamento Europeo ha approvato una proposta di legge per rendere obbligatori i sistemi ADAS su veicoli di nuova immatricolazione a partire dal 2020. In particolare tutti i nuovi veicoli, siano essi auto, furgoni, truck e bus, dovranno ben presto obbligatoriamente essere equipaggiati con sistemi come frenata automatica di emergenza, predisposizione a etilometro integrato, riconoscimento sonnolenza e soglia di attenzione, registrazione in caso d’incidente, avviso di frenata d’emergenza, cruise control adattativo, mantenimento attivo dell’auto in carreggiata, telecamera di retromarcia o sensori di prossimità.
11/02/2019
È una vera rivoluzione quella che riguarda le biciclette prevista dal nuovo codice della strada, in discussione in Commissione Trasporti alla Camera. Nei centri abitati dove il limite di velocità è di 30 km orari potranno andare contromano