31/12/2019
Aumento delle sanzioni dal 1 gennaio

Nelle scorse settimane l’Istat ha comunicato che nell’ultimo biennio l’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, lo stesso che viene utilizzato per l’incremento automatico degli affitti di immobili, è salito del 2,2%. È su questa base, che in pratica misura l’inflazione, i ministeri dell’Economia e delle finanze e delle Infrastrutture e dei trasporti, come prevede l’articolo 195 del Codice della strada, emaneranno, nei prossimi giorni, il decreto con cui disporranno il ritocco all’insù delle sanzioni amministrative previste dal Codice.

L’impatto sulle violazioni più frequenti sarà minimo. Per esempio, il normale divieto di sosta aumenterà da 41 a 42 euro, il superamento del limite di velocità di oltre 10 ma non oltre 40 km/h passerà da 169 a 173 euro, l’omesso utilizzo delle cinture di sicurezza da 81 a 83 euro.

FONTE: https://www.quattroruote.it/news/multe/2018/12/18/multe_1_gennaio_2019_scatta_l_aumento.html

ULTIME NOTIZIE
16/10/2020
In Valle d’Aosta e in altre strade montane, dal 15 ottobre è obbligatorio montare i pneumatici invernali o avere le catene nel bagagliaio.
08/10/2020
Il Governo non destina ulteriori fondi agli incentivi per l’acquisto di auto nuove. Le associazioni dei costruttori e dei distributori esprimono disappunto.
08/09/2020
Oltre alle numerose modifiche introdotte per favorire la cosiddetta mobilità dolce, nei giorni scorsi il Senato è entrato a gamba tesa in numerosi ambiti della circolazione. L'intervento più pesante riguarda lo scardinamento dell’ultimo tabù in materia di autovelox, cioè l’impossibilità di usare apparecchi fissi sulle strade urbane di quartiere (ma numerosi comuni, in barba alla legge e alle sentenze di alcuni coraggiosi giudici di pace, lo hanno usato per anni). Tra qualche giorno, quando il cosiddetto decreto Semplificazioni sarà approvato definitivamente dalla Camera, sarà possibile installare strumenti per il controllo remoto delle violazioni anche su queste strade (e persino sulle strade locali, sulle strade urbane ciclabili, un’altra novità approvata a Palazzo Madama, e, in teoria, persino sugli itinerari ciclopedonali), previa autorizzazione del prefetto. Una norma che, abbinata al dilagare, spesso indiscriminato, delle zone 30, rischia di provocare valanghe di multe anche in assenza di comportamenti oggettivamente pericolosi.
07/03/2019
Le sempre più stringenti normative in tema di emissioni stanno minando il futuro del diesel. Se, da un lato, questo tipo di alimentazione consente notevoli risparmi agli automobilisti che percorrono migliaia di chilometri l’anno, dall’altro il motore diesel non è più visto di buon occhio dai legislatori europei che ritengono questa motorizzazione particolarmente inquinante.
20/02/2019
Il Parlamento Europeo ha approvato una proposta di legge per rendere obbligatori i sistemi ADAS su veicoli di nuova immatricolazione a partire dal 2020. In particolare tutti i nuovi veicoli, siano essi auto, furgoni, truck e bus, dovranno ben presto obbligatoriamente essere equipaggiati con sistemi come frenata automatica di emergenza, predisposizione a etilometro integrato, riconoscimento sonnolenza e soglia di attenzione, registrazione in caso d’incidente, avviso di frenata d’emergenza, cruise control adattativo, mantenimento attivo dell’auto in carreggiata, telecamera di retromarcia o sensori di prossimità.