16/10/2020
Pneumatici invernali scattano le prime ordinanze

PER LA SICUREZZA - Come tutti gli anni, il 15 ottobre entrano in vigore le prime ordinanze che impongono agli automobilisti di circolare con pneumatici invernali o catene a bordo nelle strade italiane in cui vige l’obbligo: a partire da oggi, queste dotazioni sono obbligatorie per chi percorre tutte le strade della Valle d’Aosta e alcune strade montane di altre Regioni, come ad esempio una parte della strada statale del Colle del Sestriere, in Piemonte.

DAL 15 NOVEMBRE - Tuttavia, la maggior parte degli automobilisti ha ancora tempo prima di adeguarsi alle ordinanze: in molte altre strade, l’obbligo di pneumatici invernali o catene scatta dal 15 novembre. La norma riguarda per lo più strade provinciali o regionali e autostrade, dove fino al 15 aprile 2021 l’Ente proprietario della strada o il gestore possono prescrivere che i veicoli siano muniti, ovvero abbiano a bordo, mezzi antisdrucciolevoli o pneumatici invernali idonei alla marcia su neve o su ghiaccio, come prevede l’articolo 6 del Codice d

AddThis Sharing Buttons
Share to Facebook

Share to TwitterShare to WhatsAppShare to PinterestShare to Copy LinkShare to Più...

NEWS

Pneumatici invernali: scattano le prime ordinanze 2020-21

Pubblicato 16 ottobre 2020

 

In Valle d’Aosta e in altre strade montane, dal 15 ottobre è obbligatorio montare i pneumatici invernali o avere le catene nel bagagliaio. 
Pneumatici invernali: scattano le prime ordinanze 2020-21

PER LA SICUREZZA - Come tutti gli anni, il 15 ottobre entrano in vigore le prime ordinanze che impongono agli automobilisti di circolare con pneumatici invernali o catene a bordo nelle strade italiane in cui vige l’obbligo: a partire da oggi, queste dotazioni sono obbligatorie per chi percorre tutte le strade della Valle d’Aosta e alcune strade montane di altre Regioni, come ad esempio una parte della strada statale del Colle del Sestriere, in Piemonte. L’elenco delle strade interessate alle ordinanze locali è visibile sul sito internet Pneumatici sotto Controllo.

DAL 15 NOVEMBRE - Tuttavia, la maggior parte degli automobilisti ha ancora tempo prima di adeguarsi alle ordinanze: in molte altre strade, l’obbligo di pneumatici invernali o catene scatta dal 15 novembre. La norma riguarda per lo più strade provinciali o regionali e autostrade, dove fino al 15 aprile 2021 l’Ente proprietario della strada o il gestore possono prescrivere che i veicoli siano muniti, ovvero abbiano a bordo, mezzi antisdrucciolevoli o pneumatici invernali idonei alla marcia su neve o su ghiaccio, come prevede l’articolo 6 del Codice della Strada. 

MEGLIO IL FIOCCO DI NEVE - Per essere in linea con il Codice della strada, i pneumatici invernali devono avere sul fianco il codice M+S. La marcatura M+S corrisponde a una semplice autocertificazione del costruttore: attesta che sui fondi viscidi, come fango e neve (la sigla M+S sta proprio per Mud and Snow), questi prodotti fanno più presa di quelli estivi. Alcuni pneumatici possono avere anche il logo di una montagna stilizzata con un fiocco di neve, che indica gomme ancora più efficaci su fondi a bassa aderenza, ma non è indispensabile avere questo simbolo per rispettare la legge. Il simbolo del fiocco di neve può essere apposto soltanto dopo rigorosi test di omologazione sulla neve, svolti alla presenza di un incaricato del Ministero, quindi l’efficacia della gomma è ben superiore.  

MULTE DA 41 EURO - È essenziale montare 4 pneumatici invernali e non solo 2 sull’asse di trazione, per avere un comportamento omogeneo della vettura e mantenere stabilità in curva e frenata. Con temperature rigide, dotare il veicolo di pneumatici invernali significa diminuire lo spazio di frenata fino al 15% su fondo bagnato e fino al 50% in presenza di neve. Se proprio non si ha intenzione di montare le invernali, in alternativa è possibile circolare con gomme estive, a patto che a bordo ci siano le catene da neve. La multa per chi viene sorpreso senza pneumatici M+S o senza catene da neve a bordo va da 85 a 338 euro, ma se l'infrazione viene commessa in città (a patto che sia in previsto l'obbligo) si pagano da 41 a 169 euro.

FONTE: https://www.alvolante.it/news/pneumatici-invernali-scattano-prime-ordinanze-2020-21-370827

 

 

ULTIME NOTIZIE
16/10/2020
In Valle d’Aosta e in altre strade montane, dal 15 ottobre è obbligatorio montare i pneumatici invernali o avere le catene nel bagagliaio.
08/10/2020
Il Governo non destina ulteriori fondi agli incentivi per l’acquisto di auto nuove. Le associazioni dei costruttori e dei distributori esprimono disappunto.
08/09/2020
Oltre alle numerose modifiche introdotte per favorire la cosiddetta mobilità dolce, nei giorni scorsi il Senato è entrato a gamba tesa in numerosi ambiti della circolazione. L'intervento più pesante riguarda lo scardinamento dell’ultimo tabù in materia di autovelox, cioè l’impossibilità di usare apparecchi fissi sulle strade urbane di quartiere (ma numerosi comuni, in barba alla legge e alle sentenze di alcuni coraggiosi giudici di pace, lo hanno usato per anni). Tra qualche giorno, quando il cosiddetto decreto Semplificazioni sarà approvato definitivamente dalla Camera, sarà possibile installare strumenti per il controllo remoto delle violazioni anche su queste strade (e persino sulle strade locali, sulle strade urbane ciclabili, un’altra novità approvata a Palazzo Madama, e, in teoria, persino sugli itinerari ciclopedonali), previa autorizzazione del prefetto. Una norma che, abbinata al dilagare, spesso indiscriminato, delle zone 30, rischia di provocare valanghe di multe anche in assenza di comportamenti oggettivamente pericolosi.
07/03/2019
Le sempre più stringenti normative in tema di emissioni stanno minando il futuro del diesel. Se, da un lato, questo tipo di alimentazione consente notevoli risparmi agli automobilisti che percorrono migliaia di chilometri l’anno, dall’altro il motore diesel non è più visto di buon occhio dai legislatori europei che ritengono questa motorizzazione particolarmente inquinante.
20/02/2019
Il Parlamento Europeo ha approvato una proposta di legge per rendere obbligatori i sistemi ADAS su veicoli di nuova immatricolazione a partire dal 2020. In particolare tutti i nuovi veicoli, siano essi auto, furgoni, truck e bus, dovranno ben presto obbligatoriamente essere equipaggiati con sistemi come frenata automatica di emergenza, predisposizione a etilometro integrato, riconoscimento sonnolenza e soglia di attenzione, registrazione in caso d’incidente, avviso di frenata d’emergenza, cruise control adattativo, mantenimento attivo dell’auto in carreggiata, telecamera di retromarcia o sensori di prossimità.